cshong-kI5rVG1PB7U-unsplash

FSC – CERTIFICAZIONE E QUADRO NORMATIVO 

FSC – CERTIFICAZIONE E QUADRO NORMATIVO 

La certificazione forestale costituisce uno dei temi più originali sviluppatisi negli ultimi anni nell’ambito del sistema foresta-legno e derivati. 

Dai dati della FAO (Food and Agriculture Organization of the United Nations) organizzazione delle Nazioni Unite che monitora lo stato delle foreste, emerge che nel mondo ci sono circa 4 miliardi di foreste (circa il 31% delle terre emerse). Queste si dividono in foreste primarie o vergini (36%), seminaturali (50%), quelle modificate dall’uomo e in una piccola parte (circa 8%), attualmente in aumento, di piantagioni, le superfici forestali ad uso industriale. 

Le foreste costituiscono l’habitat di 2/3 delle specie viventi e apportano una serie di servizi ecologici all’uomo e al pianeta: sono fonte di produzione legnosa, hanno capacità di regolazione del clima, del ciclo delle acque, hanno capacità di controllo dell’erosione del suolo e conseguente stoccaggio di carbonio nel terreno. 

Esistono però importanti problematiche che interessano le foreste, la principale è quella della deforestazione seguita dal problema dell’illegalità, questo riguarda sia il taglio delle foreste, che la commercializzazione, il trasporto e la vendita del legname, evidenziandosi con il mancato rispetto delle norme di concessione, il contrabbando di questi prodotti, o l’emissione di false dichiarazioni. 

Anche le piantagioni hanno un ruolo centrale nelle problematiche legate alle foreste, queste sono spesso causa di attività di deforestazione, circa il 50% del legno ad uso industriale proviene dalle piantagioni; hanno inoltre, problematiche legate alla monospecificità, quindi anche la loro gestione ha un impatto rilevante. 

Tutto questo fa nascere alcune riflessioni, ciò non vuol dire non utilizzare il legno e suoi derivati ma diventa necessario conoscere la provenienza e le modalità con cui viene gestito, dove viene raccolto e come si svolge la sua commercializzazione. In questo contesto è necessario uno strumento che assicuri in modo trasparente e credibile una provenienza legale e una gestione corretta e sostenibile del legno, e qua nasce FSC con la certificazione di gestione forestale responsabile. 

Il Forest Stewardship Council (FSC) è un’organizzazione non governativa, indipendente, fondata nel 1993 da diverse organizzazioni ambientaliste e sociali, esponenti del commercio e dell’industria, associazioni di popolazioni indigene, comunità forestali e organismi di certificazione di prodotti forestali con l’obiettivo di promuovere e certificare una gestione responsabile di foreste e piantagioni rispettosa dell’ambiente, socialmente utile ed economicamente sostenibile. 

Una gestione forestale rispettosa dell’ambiente deve garantire che la raccolta di prodotti legnosi e non, non interferisca con la biodiversità della foresta mantenendo comunque un’alta produttività di risorse.  

Una gestione forestale socialmente utile tiene in considerazione, ed aiuta, sia la popolazione locale, sia quella globale, a godere dei numerosi benefici offerti dalle foreste. La certificazione FSC sostiene i diritti dei lavoratori e delle comunità locali. 

Una gestione forestale economicamente sostenibile equivale ad operazioni forestali strutturate e gestite in modo da essere sufficientemente redditizie, senza generare profitto finanziario a scapito delle foreste, dell’ecosistema, o delle comunità locali interessate. 

La certificazione FSC è una certificazione di terza parte, volontaria ma rappresenta per le aziende un importante vantaggio competitivo, il Forest Stewardship Council garantisce ai possessori del certificato l’uso del marchio FSC® riconosciuto a livello internazionale; i prodotti certificati acquistano un elevato valore distintivo e di garanzia, mentre l’azienda aumenta la propria reputazione dimostrando il proprio impegno alla salvaguardia delle risorse forestali e della biodiversità del pianeta e alla tutela dei valori etici e sociali delle foreste. 

 

La certificazione FSC è divisa in due macroaree di certificazione: 

  1. la certificazione di gestione forestale (FM – FOREST MANAGEMENT) 
  1. la certificazione di catena di custodia (CoC – CHAIN OF CUSTODY) 

La CoC è legata alle aziende di trasformazione dei prodotti forestali e li accompagna dalla foresta al prodotto finito che poi può essere etichettato dando evidenza della certificazione stessa. 

FSC riveste il ruolo di ente normatore, quindi l’organismo che emette gli standard di riferimento che le organizzazioni che vogliono ottenere la certificazione devono seguire; tramite un ente internazionale di accreditamento, in questo caso ASI (Assurance Service International) stabilisce quali possono essere gli enti di certificazione preposti al rilascio dei certificati alle aziende che ne fanno richiesta, previa verifica del rispetto dello standard o degli standard di riferimento. 

Sono 2 gli standard principali e che lavorano in parallelo, lo standard FSC-STD-40-004 che si applica a tutte le aziende manifatturiere o di commercializzazione e definisce un processo di catena di custodia (CoC) che può essere ripetuto nel tempo; parallelamente abbiamo lo standard FSC-STD-40-006 che è lo standard per la certificazione di progetto, può essere utilizzato da aziende o persone per un progetto unico, ad esempio un’opera d’arte in legno. 

A questi standard di base, si aggiungono ulteriori standard, definiti complementari, non obbligatori da utilizzare ma necessari da seguire in alcuni casi. 

Uno di questi è quello sull’utilizzo dei marchi FSC-STD-50-001, necessario per poter apporre il logo nel prodotto finale. 

C’è poi lo FSC-STD-40-005 interessante per un’azienda che acquista legno vergine da un fornitore non certificato ma che vuole inserire il materiale nel sistema FSC e può farlo come materiale “controllato”  

Lo FSC-STD-40-007 riguarda il materiale di recupero, interessa realtà che acquistano materiale da recupero non da organizzazioni certificate ma direttamente da chi gestisce tale materiale, in questo caso il materiale viene inserito nel sistema FSC come materiale “riciclato”, ultimo standard complementare è FSC-STD-40-003, relativo al multisito, viene seguito in particolari casi in cui nel certificato possono sussistere diverse ragioni sociali. 

CONDIVIDI QUESTO POST

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su print
Condividi su email