PPAP – INTRODUZIONE

Il PPAP è una tecnica adottata per ottenere l’approvazione della realizzazione del prodotto, e del processo da parte del cliente.

In ambito automotive è uno dei principali strumenti in utilizzo. Si tratta infatti di uno dei 5 Core Tools:

  • PPAP

 

  • FMEA: Metodologia utilizzata per analizzare in modo preventivo le potenziali criticità di un prodotto o di un processo. Che sia nuovo o modificato, analizzando le cause e valutando quali sono gli effetti sull’intero sistema/impianto. Lo scopo infatti è quello di assicurare un’attività di prevenzione delle avarie/guasti. Al fine di garantire il livello di affidabilità atteso dal cliente.

 

  • MSA: Metodo di valutazione della capacità aziendale, al fine di tenere sotto controllo i principali processi. Effettua misure idonee a garantire la distinzione tra prodotti conformi e non conformi. Definisce inoltre l’attività di misura come un processo da tenere sotto controllo statistico, e di cui valutare i rischi

 

  • SPC: Controllo statistico del processo. É un insieme di strumenti, per impostare e risolvere problemi inerenti a diverse aree funzionali dell’azienda. In base a ciò c’è il concetto di variabilità del processo, che può essere associata a fenomeni casuali o bene individuabili

 

  • APQP: Metodologia che permette di pianificare, e monitorare tutte le fasi del processo di sviluppo prodotto. A partire dal lancio dell’iniziativa, sino alla validazione del prodotto e processo, prima di avviare la produzione in serie

 

I Core Tools sopraelencati sono strumenti che ogni azienda, appartenente a questo settore, dovrebbe utilizzare. Poiché raggiunge e garantisce i livelli di qualità richiesti.
La IATF 16949:2016 è infatti la norma di riferimento standard nel settore automotive.
Ciascun Core Tool, inoltre, è presentato e descritto in specifici manuali emessi dalla AIAG (Automotive Industry Action Group).

 

 

PPAP – DEFINIZIONE

Il PPAP definisce il processo di approvazione per parti nuove o revisionate. Si applica infatti ai componenti nel sito produttivo, con riferimento ai materiali, alle attrezzature, agli strumenti e ai metodi di produzione. In altre parole prevede:

  • L’analisi delle parti di produzione secondo modalità specifiche
  • L’approvazione da parte del cliente dei risultati delle analisi

 

Il PPAP dimostra inoltre che i disegni, le specifiche e tutti i requisiti del cliente sono stati compresi. Che il processo è capace di produrre parti che li soddisfano. Infine, è in grado di mantenerli in una produzione di serie.
Può essere interpretato come l’atto conclusivo della validazione del prodotto e processo di fornitura.

 

CONCLUSIONE

In conclusione, il PPAP è un insieme di attività dato da una serie di documenti. Ai quali fa capo un modulo che certifica il tutto, denominato PART SUBMISSION WARRANT (PSW). É un modulo che il fornitore consegna allo stabilimento cliente, insieme alla campionatura del prodotto.

 

 

Continua a leggere PPAP – Utilizzo e i suoi Elementi>>

 

 

LEGGI ALTRO:

Vuoi saperne di più? Contattaci!